Richiesta Informazioni

Nuove certificazioni.

Entrambe le sedi Saluber di Mazzano (Brescia) e Grottaglie (Taranto) nei mesi di Luglio e Agosto hanno ottenuto il rinnovo della certificazione UNI EN ISO 9001:2008 e la prima certificazione secondo lo standard UNI EN ISO 14001:2004 e la norma UNI EN 16636:2015. Importante sottolineare che queste certificazioni sono tutte volontarie, sinonimo quindi di grande serietà e senso di responsabilità. Il termine ISO indica l’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione, che definisce le norme tecniche relative ai processi aziendali valide a livello internazionale. La norma ISO 9001 indica quali caratteristiche deve possedere un sistema di gestione della qualità allo scopo di identificare i processi aziendali, migliorare l’efficienza nella realizzazione dei prodotti (o erogazione dei servizi) ed aumentare la soddisfazione del cliente. Creare un sistema integrato che andasse oltre questa certificazione, ha significato per Saluber implementare un sistema organizzativo i cui requisiti rispettassero quanto richiesto dalle tre norme. Tali requisiti si applicano a tutti i processi aziendali, dal commerciale, alla gestione degli acquisti, all’erogazione del servizio, etc. Un’azienda certificata “scrive quello che fa, fa quello che ha scritto e lo dimostra”. Per tutte le certificazioni, la verifica di conformità è avvenuta tramite degli audit effettuati da appositi organismi accreditati. Da quest’anno Saluber è certificata con l’ente di certificazione “Kiwa Cermet” per tutte e tre le norme. In occasione delle giornate di audit sono state analizzate nel dettaglio tutte le attività aziendali, le esigenze dei clienti e delle altre parti interessate, i cosiddetti “stakeholder”, effettuando anche delle visite in cantiere presso i nostri clienti. Nella fase di preparazione alle verifiche, Saluber è stata affiancata dall’Ing. Katiuscia Lorenzetti di Econord Ambiente e dal Dr. Guglielmo Pampiglione, esperto di fama nazionale ed internazionale in ambito di igiene ambientale.

Siamo partiti da un’analisi di tutti i punti delle due nuove norme per capire eventuali punti critici esistenti in azienda e dove e come intervenire per azzerarli. Siamo riusciti quindi ad integrare alla documentazione esistente quanto richiesto dalle norme ISO 14001 e UNI EN 16636.

La norma ISO 14001 specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale. Abbiamo realizzato un’analisi del nostro scenario e verificato la conformità aziendale alla legislazione vigente. Siamo riusciti quindi a conoscere gli aspetti ambientali che dobbiamo gestire (uso risorse, energia, rifiuti, etc.), attraverso la significatività degli impatti ambientali. Mediante il controllo degli impatti ambientali connessi alle nostre attività intendiamo perseguire un miglioramento continuo nelle nostre performance, la riduzione del consumo delle risorse naturali e dell’energia, minore produzione di rifiuti, la prevenzione dell’inquinamento anche attraverso la motivazione ed il coinvolgimento del personale riguardo le tematiche ambientali e l’utilizzo consapevole delle risorse naturali. A differenza delle norme ISO, la UNI EN 16636:2015 è una norma europea, recepita anche in Italia. Essa definisce da un lato i requisiti per la gestione e il controllo delle infestazioni (pest management), dall’altro le competenze che devono essere possedute da tutto il personale coinvolto: dal responsabile tecnico all’operatore, dal commerciale, all’amministrativo, al fine di tutelare la salute pubblica, i beni e l’ambiente. All’interno della norma vengono prese in esame tutte le fasi di erogazione del servizio: il primo contatto con il cliente, la progettazione della modalità di erogazione, la stesura del preventivo, l’erogazione del servizio, la valutazione dell’efficacia degli interventi e, se necessario, la ritaratura del servizio stesso. In sede legislativa, la stesura di questa norma ha richiesto più di quattro anni per la sua realizzazione. Il progetto è stato messo a punto in sede europea dal comitato CEN/TC 404 con la collaborazione di CEPA (Confederazione Europea delle Associazioni di Pest Control) e con la partecipazione di Eurogroup for Animals che si occupa di benessere degli animali a livello europeo. L’adozione di queste norme ci consente di fornire ai nostri clienti un servizio ancora più qualificato e ampiamente certificato. A tutto ciò abbiamo voluto aggiungere l’utilizzo del logo “Cepa Certified”. Ciò vuol dire che in sede di audit le modalità di verifica hanno un severo e specifico protocollo, dalle modalità di verifica fino all’inserimento dei dati dell’azienda nel Database “Pest Control Operators” sul sito www. cepa-europe.org. Siamo molto felici ed orgogliosi di questo risultato, che prima di tutto è a favore della nostra clientela, anche perché è stato fatto un grandissimo lavoro di squadra tra le due sedi Saluber, Lombardia e Puglia, con l’impegno di tutte le figure aziendali.